Nel rigore progettuale di Pio Manzù risiede il superamento della problematica formale e l'apertura verso la problematica ergonomica: il rapporto uomo-macchina e tutte le componenti psico-fisiche ad esso correlate.